• Home
  •  > Notizie
  •  > L’autopsia conferma: Joelle uccisa dalle botte

L’autopsia conferma: Joelle uccisa dalle botte

CAGLIARI. Joelle Maria Giovanna Demontis è morta alle 19 di venerdì 8 settembre, uccisa da una serie di colpi soprattutto al torace e al capo, inferti a mani nude e col flessibile di una doccia. E’...

CAGLIARI. Joelle Maria Giovanna Demontis è morta alle 19 di venerdì 8 settembre, uccisa da una serie di colpi soprattutto al torace e al capo, inferti a mani nude e col flessibile di una doccia. E’ stata picchiata, sul corpo il medico legale Roberto Demontis ha rilevato le tracce chiare di traumi diversi. La donna di 58 anni, trovata morta all’alba di sabato scorso nella casa dove abitava assieme al compagno e ad altre due persone, è stata uccisa probabilmente in seguito a una lite. Il compagno Giorgio Reciso e un’altra coabitante, Marta Dessì, 26 anni, sono accusati dell’omicidio della donna. Le indagini dei carabinieri vanno avanti, è possibile che venerdì scorso ci sia stata la lite che ha fatto esplodere la violenza del compagno e forse anche della donna 26enne che ha diversi traumi sul corpo ed è piantonata in ospedale. Joelle Demontis venerdì mattina era stata chiamata in procura per una denuncia che lei aveva presentato su fatti non legati a Reciso e Dessì. Non si esclude che nel dare spiegazioni sulla convocazione la discussione sia degenerata e la donna sia stata aggredita. (l.on)

Pubblicato su La Nuova Sardegna