• Home
  •  > Notizie
  •  > Carenza medici: al San Francesco chiude il reparto di Chirurgia

Carenza medici: al San Francesco chiude il reparto di Chirurgia

NUORO. Quello che tanto si temeva è, infine, accaduto: il reparto di Chirurgia dell’ospedale San Francesco ha chiuso i battenti . I quattro medici rimasti in servizio nell’unità operativa guidata dal...

NUORO. Quello che tanto si temeva è, infine, accaduto: il reparto di Chirurgia dell’ospedale San Francesco ha chiuso i battenti . I quattro medici rimasti in servizio nell’unità operativa guidata dal dottor Carlo De Nisco sono troppo pochi per assicurare un’assistenza adeguata ai pazienti ricoverati. Ragion per cui, ieri, Grazia Cattina, direttore del presidio nuorese ha disposto il loro trasferimento negli altri poli ospedalieri dell’isola. Solo il 31 gennaio, data in cui rientreranno in servizio i due specialisti assenti per causa di forza maggiore, si potrà riprendere l’attività operatoria. Ma – fanno sapere dalla Assl - solo quella di emergenza –urgenza. Così come è accaduto negli ultimi mesi al San Francesco che dal 2020 a oggi ha visto ridurre il numero di chirurghi: da 14 a 6. La chiusura della Chirurgia giunge, infatti, al culmine di un lento ma inesorabile depotenziamento dell’organico. Trasferimenti, dimissioni e, in ultima battuta, infortuni e malattia, hanno portato al progressivo svuotamento del reparto. Un piccolo e sporadico “soccorso” è arrivato dagli altri ospedali con l’invio contingentato di chirurghi al San Francesco. La stessa gravissima carenza di organico, frutto di una mancata programmazione che dura da anni, si registra nei reparti di Ortopedia e Chirurgia vascolare dove sono state sospese le reperibilità. Nulla è cambiato: tutte le richieste e i solleciti, inviate ad Ats nel corso dei mesi, sono rimaste sinora lettera morta. Il risultato? Il San Francesco, centro sanitario di riferimento per un territorio vastissimo, ha dovuto chiudere Chirurgia generale (dotata peraltro di attrezzatura robotica all'avanguardia) e quando riaprirà si dovrà limitare esclusivamente agli interventi urgenti. (g.f.)

Pubblicato su La Nuova Sardegna