• Home
  •  > Notizie
  •  > Via i sigilli dalla casa del mistero

Via i sigilli dalla casa del mistero

Dissequestrato l’immobile in cui era morto Ignazio Manca

SANTA GIUSTA. La casa in cui è morto Ignazio Manca è stata dissequestrata. Da ieri il fratello Carmine ha far potuto fare ingresso in quelle stanze teatro di uno dei gialli di questa estate. Il 31 luglio era stato infatti ritrovato in un lago di sangue il corpo del 57enne e a fare la scoperta era stato proprio il fratello che aveva poi dato l’allarme. Aveva raccontato di aver trovato il cadavere, ma di non sapere cosa fosse accaduto al fratello. Qualche giorno dopo il suo nome era stato iscritto sul registro degli indagati con l’accusa di omicidio. La casa, vista l’enorme quantità di tracce di sangue e biologiche e la presenza di alcuni oggetti, era stata messa sotto sequestro: il pubblico ministero Valerio Bagattini, che coordina l’indagine dei carabinieri sotto la supervisione del procuratore Ezio Domenico Basso, aveva preso questa decisione per consentire agli uomini del Ris di raccogliere tutti gli elementi utili all’inchiesta. Conclusa questa fase, è stata accolta la richiesta di dissequestro della casa presentata dall’avvocato difensore Simone Prevete. L’indagine ovviamente va avanti.

Pubblicato su La Nuova Sardegna