• Home
  •  > Notizie
  •  > Pensionato morto in piazza indagini vicine alla svolta

Pensionato morto in piazza indagini vicine alla svolta

Domenico Seu era caduto dopo esser stato urtato dal palco della festa patronale Un camion era finito contro la struttura e il 79enne aveva perso l’equilibrio 

SASSARI. Arriveranno domani gli esiti degli accertamenti medico legali che consentiranno alla Procura della Repubblica di Sassari di definire eventuali responsabilità – e quindi adottare i necessari provvedimenti – nell’inchiesta aperta per far luce sulla morte del 79enne Domenico Seu, avvenuta lo scorso 20 settembre a Chiaramonti.

Il pensionato era rimasto coinvolto in un incidente stradale vicino al palco allestito nella piazza del paese per i festeggiamenti in onore del patrono San Matteo Apostolo (poi annullati dal comitato organizzatore). Seu era caduto a terra dopo che un camion aveva urtato il palco e proprio a causa delle gravi lesioni riportate era deceduto in ospedale a Sassari dove era stato ricoverato subito dopo il fatto.

Domani la Procura (titolare del fascicolo è il pubblico ministero Paolo Piras) riceverà la relazione sulla perizia medico legale eseguita sulla vittima (i familiari avevano autorizzato l’espianto degli organi). Un accertamento che potrebbe fornire risposte importanti sulla dinamica dell’incidente.

Sotto la lente di ingrandimento della Procura sono finiti in particolare il palco dei festeggiamenti – che pare sporgesse di un metro oltre il perimetro della piazza – e anche il camion alla cui guida ci sarebbe stato un operaio del Comune. Al momento non ci sono indagati ma già nelle prossime ore, qualora dovessero essere accertate irregolarità nel montaggio e nelle dimensioni della struttura che si trovava in piazza o eventuali responsabilità a carico di chi era al volante del mezzo, qualche nome potrebbe essere iscritto nel registro degli indagati per omicidio colposo.

Dalle indagini effettuate all’indomani dell’incidente sarebbe emerso che Domenico Seu – che era in compagnia di un nipote – stesse camminando nella zona dove era stato allestito il palco per gli spettacoli pubblici proprio mentre il camion che procedeva lungo la strada ha urtato la struttura composta da travi in legno e ferri. L’impatto avrebbe causato uno spostamento ulteriore del palco che avrebbe finito per urtare Domenico Seu provocandone la caduta a terra.

L’uomo aveva battuto la testa sull’asfalto e aveva riportato un brutto trauma cranico. Le sue condizioni erano subito state giudicate gravissime dai primi operatori sanitari intervenuti sul posto, tanto che per il trasporto in ospedale era stato allertato l’elisoccorso. Nel tardo pomeriggio il 79enne era stato sottoposto a un intervento chirurgico alla testa ma purtroppo il quadro clinico era notevolmente compromesso e non era sopravvissuto.

I rilievi dell’incidente erano stati eseguiti dai carabinieri che avevano anche autorizzato la rimozione del palco per ragioni di sicurezza (era pericolante dopo l’incidente). Mentre il mezzo era stato messo sotto sequestro: nelle prossime ore verranno conclusi gli accertamenti per capire se presentasse anomalie.

La notizia della morte del 79enne aveva suscitato profonda commozione a Chiaramonti dove la vittima era molto conosciuta. il pensionato, ex dipendente del caseificio di Fumera, vedovo da qualche anno, viveva insieme alle due figlie e aveva anche un figlio, attuale presidente della Pro loco di Chiaramonti.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicato su La Nuova Sardegna