• Home
  •  > Notizie
  •  > “Cittadino illustre” una vita spesa tra versi e scuola

“Cittadino illustre” una vita spesa tra versi e scuola

«Pubblicando questo libro (a distanza di venti anni esatti dal tuo addio terreno) abbiamo realizzato – come fosse un dovere e con immenso piacere – il tuo ultimo desiderio. Con amore infinito i tuoi...

«Pubblicando questo libro (a distanza di venti anni esatti dal tuo addio terreno) abbiamo realizzato – come fosse un dovere e con immenso piacere – il tuo ultimo desiderio. Con amore infinito i tuoi figli Rosalba e Sandro». È con questa dedica che si apre “Contos e cantos” di Frantzischinu Satta. Nato a Nuoro il 16 settembre 1919, morto il 25 luglio 2001. Poeta tra i più noti in Sardegna, premiato più e più volte. Insignito anche del prestigioso “Città di Ozieri”, i suoi versi sono stati armonizzati da vari cori e gruppi musicali. Maestro elementare, in vita Frantzischinu Satta ha pubblicato tre libri-raccolte: “Cantos de amistade”, “Ispadas de sole” e “Incantos. Su prantu cubau”. Nel 1991, in occasione della festa del Redentore, è stato nominato dall’allora sindaca di Nuoro Simonetta Murru “Cittadino illustre” del capoluogo barbaricino. Il 21 giugno 2009 gli è stata dedicata una serata, «per ricordare e onorare una delle voci poetiche più intense» dell’isola tutta. Il 26 febbraio 2011, a distanza di 10 anni dal suo addio terreno, durante una cerimonia al teatro Eliseo gli è stato conferito il Premio Ortobene. «Oje / ti pesso in chelos biaittos / lèpiu, serenu, chin sa pinna in manu – scrive a lui la figlia Rosalba, maestra e poetessa anche lei – / in chirca de sos versos pro pintare / incantos e ispantos... ».

Pubblicato su La Nuova Sardegna