• Home
  •  > Notizie
  •  > Addio a Met Loaf, leggenda del rock

Addio a Met Loaf, leggenda del rock

È morto di Covid-19 a 74 anni. Come attore in The Rocky Horror Picture Show

NEW YORK. Addio a Meat Loaf, leggendario rocker e attore. Aveva 74 anni e secondo il sito web TMZ.com che ha dato per primo la notizia era malato di Covid-19.

Meat Loaf, pseudonimo di Marvin Lee Aday, non ha mai nascosto le sue critiche nei confronti della gestione della pandemia e si è scagliato contro l'obbligo della vaccinazione. Non è chiaro se si fosse vaccinato. «I nostri cuori sono spezzati nell'annunciato che l'incomparabile Meat Loaf è morto questa notte (20 gennaio per chi legge, ndr) circondato dalla moglie Deborah, le Pearl e Amanda ed amici stretti», si legge in una dichiarazione del suo agente Michael Green.

Con una carriera artistica che ha coperto oltre 50 anni, Meat Loaf raggiunse il successo negli anni '70. Ha venduto oltre cento milioni di album nel mondo e ha partecipato a circa 65 film, tra cui “Fight club”, “Focus”, “The Rocky Horror Picture Show”, mentre “Bat Out of Hell” resta uno dei dieci album più venduti in assoluto. Con “I’d Do Anything for Love (But I Won't Do That)” tratto da “Bat Out of Hell II: Back into Hell” ottenne il Grammy Award per la migliore performance vocale.

Nato a Dallas in Texas nel 1947, i suoi inizi furono in piccole produzioni scolastiche. Appena ventenne si trasferì a Los Angeles dove nel 1973 si unì al cast “The Rocky Horror Show” dove interpretò sia Eddie sia il dottor Everett Scott. L'ingresso nel mondo della musica fu nel 1977 con l'album di debutto “Bat Out of Hell”, nel 1993 uscì il seguito i “Bat Out of Hell II: Back into Hell” Meat Loaf ebbe anche una lunga collaborazione con Jim Steinman, che scrisse tutti i suoi maggiori successi fino alla morte lo scorso aprile. Steinman scrisse anche “Total Eclipse of the Heart” per lui ma l'etichetta discografica dell'artista si rifiutò di fargli incidere il brano il quale poi andò a Bonnie Tyler. Meat Loaf dovette affrontare inoltre numerosi problemi di salute e lui stesso una volta disse di essere un gatto con 48 vite per tutte le volte che l’aveva scampata.

Pubblicato su La Nuova Sardegna