• Home
  •  > Notizie
  •  > Cimitero, oggi si apre la sala del commiato

Cimitero, oggi si apre la sala del commiato

SASSARI. Un luogo riservato all’interno del quale i parenti dell’estinto potranno dare l’ estremo saluto al loro caro. È la sala del commiato che l’amministrazione comunale ha realizzato al cimitero....

SASSARI. Un luogo riservato all’interno del quale i parenti dell’estinto potranno dare l’ estremo saluto al loro caro. È la sala del commiato che l’amministrazione comunale ha realizzato al cimitero. I locali - circa 50 metri quadrati - sono stati allestiti accanto alla struttura che ospita il forno crematorio. La sala sarà inaugurata oggi a mezzogiorno alla presenza del sindaco Nicola Sanna, dell'assessore alle Politiche per l'innovazione Luigi Polano e del direttore del cimitero Michele Bonomi. L'amministrazione che già a ottobre aveva annunciato la realizzazione dello spazio nel cimitero comunale, ha investito circa 3.700 euro per l'allestimento della sala. Negli spazi sono stati predisposti 24 posti a sedere e un leggio. «Si tratta di un servizio importante - dice il primo cittadino - soprattutto in una città come la nostra che, considerata la sua apertura e ospitalità ai cittadini stranieri, sta sempre più diventando una città multietnica. Un segno di generosità nei confronti anche di coloro che sono stati accolti nella nostra comunità».

«La sala - spiega l'assessore Polano - consentirà, in maniera adeguata, ai parenti dell'estinto, di qualunque fede o che non appartengono ad alcuna religione, di rivolgere liberamente e dignitosamente un estremo saluto al proprio defunto. È un segno di civiltà e condivisione con tutti coloro che non sono di religione cattolica». La sala del commiato è il luogo aperto verso l'espressione di ogni pensiero religioso, dove viene lasciata la libertà di scelta sul tipo di cerimonia e dei simboli e dei paramenti che, all'occorrenza, si vogliono utilizzare per lo svolgimento della cerimonia funebre, con la finalità principale che tali simbologie onorino le scelte espresse in vita dal defunto.

Pubblicato su La Nuova Sardegna