• Home
  •  > Notizie
  •  > Bimba di 3 mesi morta, scagionata anche la terza infermiera

Bimba di 3 mesi morta, scagionata anche la terza infermiera

SASSARI. È stata scagionata anche la terza infermiera finita sotto inchiesta per omicidio colposo insieme a due colleghe dopo la morte della piccola Alessia Murgia, la bimba di tre mesi affetta da...

SASSARI. È stata scagionata anche la terza infermiera finita sotto inchiesta per omicidio colposo insieme a due colleghe dopo la morte della piccola Alessia Murgia, la bimba di tre mesi affetta da una grave disfunzione cardiaca e deceduta lo scorso anno alle Cliniche. Alcuni giorni fa la Procura ha chiesto l’archiviazione del procedimento per le tre infermiere e il gip ha accolto l’istanza del pm Paolo Piras. Si tratta delle infermiere che avevano cercato di inserire l’ago cannula nel braccio della piccola: una aveva tenuto ferma la bimba, l’altra aveva tentato l’accesso venoso. Sotto inchiesta era finita anche una terza infermiera intervenuta quando la bambina aveva cominciato a vomitare e perdere conoscenza, aveva applicato ad Alessia il saturimetro per verificare il livello di ossigenazione del sangue.

Ma il pubblico ministero dopo una indagine minuziosa ha accertato che nessuna responsabilità poteva essere attribuita alle infermiere – che sono state assistite in questa dolorosa vicenda giudiziaria dagli avvocati Maria Antonietta Bacciu e Anna Maria Santoru – considerato che a causare la morte della bambina è stata la cardiopatia congenita. Il giudice Michele Contini ha accolto la richiesta di archiviazione. (na.co.)

Pubblicato su La Nuova Sardegna