• Home
  •  > Notizie
  •  > Fuori strada con l’auto, muore 23enne di Guasila

Fuori strada con l’auto, muore 23enne di Guasila

L’incidente a Senorbì. Il ragazzo viaggiava su una Punto che si è ribaltata ed è finita contro un albero

SENORBI’. Nuova croce sulla strada statale 547, che collega Furtei con Sant’Andrea Frius. La vittima è Diego Mungianu, ventitreenne di Guasila. Il ragazzo viaggiava a bordo di una Fiat Punto che per cause ancora in via di accertamento è volata fuori strada in una scarpata e si è schiantata contro un albero di eucaliptus. L’incidente è avvenuto intorno alle 18,30 all’altezza del chilometro 15,800 in un rettilineo, quasi dirimpetto alla azienda agro-zootecnica Di Penta, subito dopo la rotonda. Diego Mungianu proveniente da Guasila viaggiava in direzione di Senorbì. Il ragazzo è morto sul colpo. Inutili sono stati i tentativi di rianimarlo effettuati dall’equipe della Mike 65, la medicalizzata del 118 del distretto della Trexenta. Il ragazzo è stato estratto dall’abitacolo dell’auto dai vigili del fuoco del distaccamento di Mandas. I rilievi dell’incidente sono stati effettuati dalla polizia locale dell’unione dei comuni della Trexenta. Tra le ipotesi più probabili all’origine dello schianto ci sono l’asfalto reso viscido dalla pioggia ma anche la velocità probabilmente elevata. Ma al momento non è possibile escludere che il ragazzo abbia perso il controllo della Punto a causa di una distrazione o di un malore. Il traffico sulla statale 547 è rimasto bloccato sino alla rimozione della salma che è stata trasportata nell’obitorio del cimitero di Senorbì. Il pm di turno ha disposto la restituzione alla famiglia per il funerale.

La notizia della tragedia si è diffusa nel giro di pochi minuti a Ortacesus, Senorbi e Guasila, il paese natale della vittima. Sul luogo dell’incidente sono arrivati diversi parenti, amici, conoscenti della vittima e decine di curiosi che hanno formato un capannello sostando in religioso silenzio. La vittima quattro anni fa era rimasto orfana, aveva perso infatti la madre Elga, stroncata da un male incurabile. Viveva a Guasila, insieme al padre Stefano, disoccupato, e alla sorella maggiore Giorgia. «La tragica notizia ha provocato grande commozione e cordoglio nel nostro paese – le parole del sindaco di Guasila Paola Casula. Diego Mungianu era un bravo ragazzo, riservato e stimato da tutti. Ho espresso al padre e alla sorella le condoglianze e la vicinanza di tutta la comunità, sconvolta e attonita».

Pubblicato su La Nuova Sardegna