• Home
  •  > Notizie
  •  > Santa Barbara di festa e riflessione per i vigili

Santa Barbara di festa e riflessione per i vigili

Alla cerimonia per la patrona del Corpo ricordati i pompieri scomparsi. Novemila interventi nel 2019

SASSARI. Si è aperta con il ricordo dei vigili del fuoco sardi che non ci sono più – Giulio Piras ed Efisio Lallai scomparsi prematuramente qualche mese fa – la cerimonia ieri mattina nella caserma di piazza Conte di Moriana in occasione della patrona del Corpo Santa Barbara.

Alla presenza del prefetto Maria Luisa D’Alessandro, del sindaco Gian Vittorio Campus e del presidente del consiglio regionale Michele Pais, il comandante provinciale dei vigili del fuoco Luigi Giudice ha voluto dedicare a loro e ai colleghi morti nella recente tragedia di Alessandria un istante iniziale di riflessione.

«Sono stati oltre 9000 fino a oggi – ha detto il comandante – gli interventi di soccorso prestati dal nostro comando provinciale. La nostra opera – ha aggiunto Luigi Giudice – potrà essere ancora più efficiente quando si otterrà l’operatività del distaccamento di Bono e il successivo avvio di una ulteriore sede a Valledoria». Ma oltre ai discorsi istituzionali quella di ieri è stata come al solito una festa alla quale ha partecipato la grande famiglia dei vigili del fuoco, fatta di uomini e donne che ogni giorno svolgono la loro missione del soccorso per portare aiuto a chi è in difficoltà. Anche ieri l’apertura delle porte della caserma ha regalato emozione e gioia ai bambini delle scuole, capaci di entusiasmarsi in maniera contagiosa di fronte alle evoluzioni e alle dimostrazioni professionali dei loro eroi dell’unità cinofila.

La giornata è cominciata alle 9,45 con la celebrazione della messa presieduta dall’arcivescovo di Sassari Gian Franco Saba, quindi l’intervento del comandante Luigi Giudice con la consegna delle onorificenze. (l.f.)

Pubblicato su La Nuova Sardegna